venerdì 27 luglio 2012

Le rose del mio giardino

Una rapida carrellata sulle rose che da quest'anno abitano nel mio giardino. Arrivano dalla Francia, dalla Meilland dove le avevo acquistate perchè offrivano una grande varietà di piante,compresi gli arbusti che servivano per la siepe, oltre a buoni prezzi e fama di affidabilità.



Le rose paesaggistiche Deborah, insieme alla rossa Sevilliana, formano una siepe di 12 metri; lo sviluppo è stato molto rapido, i fiori piuttosto grandi di un bellissimo rosa intenso.


Questa è chiamata Louis de Funet, è stata tra le prime a fiorire.


Questa mi è stata regalata da Meilland; è dedicata a Julio Iglesias, idolo di mia suocera...



Queste sono rose senza pedigree, acquistate al supermercato, ma comunque molto belle. In estate, quando il caldo è intenso, i boccioli si aprono in fretta e, non potendo essere sempre presente, è difficile coglierle nel momento in cui sono più armoniose, appena dischiuse.



Questa è Meilland, più scura sui bordi, una bellissima rosa, dedicata a Laetitia Casta.



Questa è la rosa che più mi ha sorpreso: l'anno scorso avevo trovato sul terrazzo della struttura in cui lavoro, un vaso abbandonato con una piccola pianta rinsecchita; l'ho potata drasticamente, bagnata concimata e in brevissimo tempo ha ricacciato gli steli e prodotto una piccola rosa di colore rosa pallido; nell'inverno l'ho tenuta al riparo e a marzo l'ho trapiantata in giardino. Da allora si è irrobustita parecchio ed ha cominciato a generare rose , con tantissimi petali, molto belle.


Questa è la rosa Meilland Liv Tyler; la foto non le rende merito, ma dovrebbe essere un fiore dell'aspetto di  rosa antica con 80 petali rosa molto chiaro,come questa qui sotto:




Mi piaceva molto, così ne ho comprate cinque piante da mettere in un'aiuola nel luogo più in vista del giardino. Il risultato è che due non hanno attecchito (le uniche due piante si circa settanta che ho acquistato quest'anno, compresi gli arbusti), e le altre tre stanno crescendo piuttosto stentate. In autunno proverò a cercare una sistemazione più adeguata.

Quindi, anche le rose ci insegnano qualcosa: meglio non avere troppe aspettative, perchè a queste spesso seguono le delusioni; fare delle scelte nella consapevolezza che ci possiamo sempre solo avvicinare a ciò che avevamo immaginato di realizzare, e magari, lasciarci sorprendere.

8 commenti:

  1. Che belle le rose dedicate ai personaggi famosi!

    RispondiElimina
  2. Quella arancione è stupenda,è il mio colore preferito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora la chiamerò rosa Blogredire!

      Elimina
  3. Una collezione di rose davvero stupenda, complimenti, sono tutte davvero belle!
    Io amo moltissimo le rose, ma ne posseggo solo pochissimi esemplari, però mi sono resa conto che, spesso,le più semplici e meno come dire, blasonate, sono capaci di dare grandi soddisfazioni e di stupirci con splendide fioriture... anche questo è un'insegnamento!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie Lolle, ho iniziato quest'anno a metterle in giardino e posso già capire come spesso coltivare le rose diventi una passione...

    RispondiElimina
  5. Ciao Maria! Ho iniziato quest'anno ad occuparmi del giardino consapevole della mia inesperienza, ma devo dire che al di là dei risultati è proprio un piacere andarsene in giro a vedere le fioriture, la crescita ed i cambiamenti delle piante. Grazie!

    RispondiElimina